CIR

CIR | Skoda al Rallye Elba, Scandola: “Ci manca poco per puntare alla vittoria”

Umberto Scandola e Guido D'Amore pronti per la quarta prova stagionale

CIR - Tutto pronto in casa Skoda per il Rallye Elba, in partenza domani. Dopo due podi in tre gare per l'equipaggio su Fabia R5 è il momento di mettere a frutto il lavoro svolto con la vettura
CIR | Skoda al Rallye Elba, Scandola: “Ci manca  poco per puntare alla vittoria”

Il Campionato Italiano Rally 2018 compie il suo giro di boa e si appresta a fare tappa per il Rallye Elba, che come sappiamo torna nel calendario tricolore dopo una assenza di 25 anni. In precedenza abbiamo dato uno sguardo generale ai vari favoriti per ogni categoria: oggi vediamo nel dettaglio come si sta preparando l’equipaggio Skoda sulla Fabia R5, formato da Umberto Scandola e Guido D’Amore.

Il binomio si appresta a scendere sulle strade asfaltate dell’isola per affrontare le dieci prove speciali per 151,480 km chilometrati, dal 25 al 26 maggio. Per sbaragliare la concorrenza dei 60 equipaggi occorrerà non solo ripetere le prestazioni degli ultimi due appuntamenti, ma fare il definitivo salto di qualità. Scandola e D’Amore infatti sono al momento terzi nella classifica generale dopo due podi (entrambe le volte sul terzo gradino), risultato che sarebbe potuto essere ulteriormente di pregio se non ci fosse stata la disdetta del ritiro nel primo round del Rally del Ciocco, impedendo di raffinare ulteriormente il set up della vettura e rendersi così ancora più competitivi in quella prova. Ma si sa, acqua passata non smuove i mulini, e l’equipaggio ha fortunatamente per loro raccolto frutti meno amari al Sanremo e al Targa Florio. Con quattro rally alla conclusione della stagione, bisogna innestare la marcia giusta per impensierire il dominus Paolo Andreucci. «Nelle ultime gare abbiamo dimostrato di aver imboccato la strada giusta – ammette Scandola – e dopo due podi ci manca veramente poco per puntare alla vittoria. Confido come sempre nel buon lavoro della squadra e dei nostri partner tecnici che stanno crescendo con noi».
Il Rallye d’Elba non sarà comunque da prendere sottogamba, a partire dal fatto che si tratta di una gara nuova per molti piloti, che si ritroveranno ad avere a che fare con percorsi stretti, veloci, pregni di curve che richiedono la massima concentrazione e un asfalto viscido oltre all’incognita del vento, trovandoci in una zona costiera; per non parlare poi delle prove in notturna, altra insidia per i driver. Prosegue Scandola: «Sono molto curioso di scoprire le prove dell’Elba: ne ho sempre sentito parlare con entusiasmo dagli appassionati ma è la prima volta che ci corro, visto che l’ultima edizione del Campionato Italiano si è disputata nel 1993, quando avevo solo 9 anni. Approfitteremo di un test pre-gara per trovare il miglior bilanciamento della vettura, ma partendo da un’ottima base sono convinto che potremo fare bene con la nostra Fabia. Mai come quest’anno il campionato vede al via molti pretendenti alle vittorie di tappa e sarà fondamentale raccogliere il maggior numero di punti per affrontare la seconda parte della stagione pronti a giocarsi il titolo».

Ricordiamo infine che la partenza del Rallye Elba sarà fissata domani alle 16.15 da Portoferraio, nel nord dell’isola, per una prima giornata con cinque speciali compresa la prova spettacolo trasmessa in tv. Si riparte l’indomani dalle 08.34 per le ultime cinque fatiche prima del podio finale a Portoferraio, previsto alle 17.25. Inoltre ricordiamo, sul versante Skoda, che sono disponibili ancora cinque sorteggi nel contest aperto sul sito www.skoda-auto.it e legato alle tappe del CIR. In palio anche la possibilità di provare la Fabia R5 al fianco di Umberto Scandola: tutte le informazioni sul sito.

Leggi altri articoli in CIR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati