WRC | Citroen felice delle evoluzioni introdotte in Argentina

C3 WRC competitiva per il Portogallo

WRC – Al Rally d’Argentina la Citroen ha introdotto delle novità sulla sua C3 WRC che, a discapito dei risultati e delle sfortune incontrare da Meeke e Breen, si son dimostrate efficaci.
WRC | Citroen felice delle evoluzioni introdotte in Argentina

L’Argentina è sempre stata fortuna per Kris Meeke: un 3° posto alla prima stagione nel WRC nel 2014 e la prima vittoria mondiale l’anno seguente; purtroppo, almeno quest’anno, per lui e la Citroën non è arrivato il risultato sperato, ottenendo solamente una settima posizione che s’ha d’amaro in bocca.

Come vi avevamo già raccontato, il britannico era partito benissimo fin dalle prime prove, chiudendo la prima giornata al 2° posto a una ventina di secondi dal leader. Anche Craig Breen era in palla ma il giorno seguente, mentre si trovava 6° nella generale, è finito fuori strada e costretto al ritiro. Dunque, era il turno di Meeke di prendersi il team in mano, ma una foratura al sabato lo ha tolto da un podio meritato fino a quel momento; la vittoria è poi andata a un ottimo Ott Tänak, che ha sopravanzato un Thierry Neuville sempre più leader in classifica con la sua Hyundai. Guardando il lato positivo, la C3 WRC si è dimostrata competitiva con le nuove evoluzioni introdotte e sicuramente in Portogallo sarà tra le protagoniste.

«La C3 WRC ha dimostrato ancora una volta il suo livello di competitività, in un terreno in cui lo scorso anno ci siamo trovati particolarmente in difficoltà» – ha dichiarato Pierre Budar, direttore di Citroën Racing – «Alla luce di questi risultati e dei risultati dei nostri sei giorni di test realizzati sul posto, guardiamo già alla definizione del set-up del Portogallo, per arrivare a un posto in classifica che rispecchi il nostro livello. Mi complimento per la regolarità di Kris, che non ha commesso errori nel week end, anche quando la lotta si è fatta molto serrata. È stato semplicemente sfortunato».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati