CIR | Andreucci ed Andreussi conquistano il 65esimo Rallye Sanremo

Al secondo posto Campedelli-Canton, terzi Scandola-D'Amore

Rallye Sanremo - Si è appena conclusa la seconda tappa del calendario CIR 2018, e la coppia Ucci-Ussi conferma il risultato del precedente Rally del Ciocco. La classifica finale, Assoluta, Asfalto e Costruttori. I risultati delle competizioni monomarca
CIR | Andreucci ed Andreussi conquistano il 65esimo Rallye Sanremo

Tanto tuonò che alla fine piovve, e non ci riferiamo alle avverse condizioni meteo che hanno condizionato il fondo stradale della 65esima edizione del Rallye Sanremo. Parliamo delle premesse che la coppia Paolo Andreucci ed Anna Andreussi aveva gettato all’inizio della stagione 2018 del Campionato Italiano Rally, con l’indiscutibile vittoria nella prima prova del Rally del Ciocco bissata oggi sulle strade della gara organizzata dall’Automobile Club del Ponente Ligure.

A bordo della Peugeot 208 T16 la coppia Ucci-Ussi si è involata così nella seconda ed ultima giornata del Sanremo mantenendo sempre salda la guida della generale per tutte le dieci prove in programma. Il toscano mette a segno così la sesta vittoria del rally ligure in carriera, la quarta consecutiva, confermando di essere implacabile e mai sazio nonostante i 10 trofei nel CIR in bacheca di cui sette con la Peugeot, l’ultimo proprio l’anno scorso, e di formare un connubio estremamente vincente con la navigatrice friulana quasi omonima.
Scorrendo la classifica finale troviamo però un binomio che ha fatto un figurone lungo le difficili PS sanremesi: subito dietro la coppia che è salita sul gradino più alto del podio allestito nella centrale piazza Colombo troviamo Simone Campedelli e Tania Canton, su Ford Fiesta R5 di Orange1 Racing curata da Vieffecorse, con un ritardo di 9’’7. Non è stata facile per i due ma il connubio è riuscito a centrare i migliori tempi in quattro speciali nella seconda giornata, ovvero le prove di San Romolo, Testico, Colle d’Oggia e la conclusiva Testico – Colle d’Oggia di ben 34,45 km, la più lunga del lotto.
Sul gradino più basso del podio si piazzano invece Umberto Scandola con Guido D’Amore a bordo della Skoda Fabia R5, che approfittando della foratura che ha compromesso la gara di Andrea Crugnola e Danilo Fappani (Ford Fiesta R5) nell’ultimo tratto della PS finale, sono riusciti a scavalcarli e portarsi al terzo posto. Crugnola comunque ha dato prova di tempra e velocità lungo questo Sanremo, e non a caso parliamo di un pilota attualmente in testa al Campionato Italiano Rally Asfalto. Concluderà la kermesse al sesto posto.
Medaglia di legno per Andrea Nucita e Marco Vozzo su Hyundai i20 R5, segue al quinto posto il lituano Nikolay Gryazin (Skoda Fabia, la cui casa accumula così punti preziosi nella classifica costruttori del CIR). Concludiamo la rassegna dei primi dieci con Scattolon-Zanini (Skoda Fabia R5) settimi, Panzani-Pinelli ottavi, nono l”outsider monegasco Cortese con Verbicara (Ford Fiesta R5) nono e al decimo posto Gilardoni-Bonato (Ford Fiesta R5).
Niente da fare per lo sventurato Marco Pollara, che ha sofferto nella PS4 per una toccata ed è stato costretto al ritiro anzitempo; gira male anche al toscano Rudy Michelini, che esce di strada e dalla competizione nella Mini Ronde che ha animato la prima giornata.

Infine, il campionato nazionale Due Ruote Motrici ha visto il dominio di Riccardo Canzian su Renault Clio R3T, che è riuscito ad approfittare della corsa rallentata di Ivan Ferrarotti a bordo della Ford Fiesta R5. Alberto Paris e Sonia Benellini guidano la classifica del trofeo monomarca riservato ala Twingo R1, mentre il Suzuki Rally Trophy va alla quota verde di Giorgio Cogni che riscatta sulla Swift R1B il terzo posto un po’ sfortunato al Ciocco: assieme al navigatore Gabriele Zanni si piazza davanti a Fabio Poggio e Stefano Martinelli.

CLASSIFICA ASSOLUTA FINALE 65°RALLYE SANREMO: 1.Andreucci-Andreussi (Peugeot 208 T16 R5) in 1:40’34.7; 2. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) a 9.7; 3. Scandola-D’Amore (Skoda Fabia R5) a 50.7; 4.Nucita-Vozzo (Hyundai I20 R5) a 1’08.6; 5. Gryazin-Fedorov (Skoda Fabia R5) a 2’358.1; 6. Crugnola-Fappani (Ford Fiesta R5) a 3’13.8;7. Scattolon-Zanini (Skoda Fabia R5) 4’53.7; 8. Panzani-Pinelli (Ford Fiesta R5) a 5’11.9; 9. Cortese-Verbicara (Skoda Fabia R5) a 6’07.5; 10.Gilardoni-Bonato (Ford Fiesta R5) a 6’14.7.

CIR ASSOLUTO: Andreucci 30 punti; Campedelli 22; Crugnola 17; Scandola 10.

CIR ASFALTO: Crugnola 30; Panzani 15; Michelini 10.

CIR COSTRUTTORI: Ford 32; Peugeot 30; Skoda 24.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati