FIA ERC – Acropolis Rally: il riassunto

FIA ERC – Acropolis Rally: il riassunto

Kajetan Kajetanowicz diventa il terzo vincitore diverso di questa stagione 2017 del FIA European Rally Championship, andando ad aggiudicarsi il SEAJETS Acropolis Rally, uno degli eventi più duri del calendario. Il Campione ERC in carica, affiancato da Jarek Baran, è stato autore di una grande rimonta, visto che sabato sera aveva oltre mezzo minuto di ritardo dal leader essendo incappato in una doppia foratura.

Bruno Magalhães ha però avuto un problema elettrico che lo ha rallentato e il pilota del LOTOS Rally Team ne ha approfittato per scavalcarlo al termine dei 33,86km della PS “Elatia/Karya”. Magalhães, al volante della sua ŠKODA Fabia R5, aveva superato Nasser Al-Attiyah questa mattina, quando il pilota del Qatar non era riuscito a riavviare il motore della sua Ford Fiesta R5 dopo aver sbattuto e aver danneggiato il servosterzo. Il portoghese, dal canto suo, ha dovuto combattere contro il problema che lo ha privato dei tergicristalli e di potenza, poi ha potuto tirare un sospiro di sollievo quando Al-Attiyah è finito K.O. nella PS10.

Al terzo posto è salito Murat Bostanci, ma il pilota del Castrol Ford Team Turkey ha buttato via tutto finendo fuori nell’ultima PS, così come il greco George Philippedes che si trovava subito alle sue spalle. A sorridere è quindi Grzegorz Grzyb, che prende i primi punti nell’ERC con una Fabia sulla quale ci sono state forti vibrazioni. Il cipriota Alexandros Tsouloftas taglia il traguardo quarto e probabilmente lo rivedremo nella gara di casa sua fra un paio di settimane. In Top5 c’è anche Socratis Tsolakidis, finito nelle retrovie dopo aver rotto una ruota che ha impiegato 10′ a sostituire. Il greco riesce ugualmente a rimontare e a concludere con un bel risultato.

Fuori nel finale anche Albert von Thurn und Taxis, capottatosi ad 1km dal traguardo proprio mentre era in zona punti. Anche Efthimios Halkias ha sbattuto nella PS9 mentre si trovava decimo.

Antonín Tlusták non è riuscito a rientrare in gara dopo il ritiro di ieri, ma dovrebbe essere al via del Cyprus Rally.

Tornando a Kajetanowicz, la sua vittoria va a riscattare il ribaltamento di cui era stato protagonista nel 2016 in Grecia. “Kajto” ha voluto anche ricordare il collega Alexey Lukyanuk, rimasto infortunato in un incidente in Russia, con diversi piloti che hanno attaccato un adesivo sulle loro vetture con scritto #getwellsoonLUCAS.

“E’ fantastico e ringrazio tutti coloro che hanno creduto in noi – ha detto Kajetanowicz, che ora è alle spalle di Magalhães con 21 punti da recuperare – E’ stato uno dei rally più difficili della mia carriera, sia per l’auto che per me, ma anche bellissimo per come è finito”.

ERC2: Melegari mantiene il primo posto
Zelindo Melegari ha gestito con esperienza il proprio vantaggio andando a conquistare la sua prima vittoria in Classe ERC2. Affiancato da Maurizio Barone, il pilota della MOVISPORT aveva approfittato dell’uscita di scena di Tibor Érdi Jr ieri per prendersi il primo posto, regalando così alla Mitsubishi della Krikos Racing il successo. Érdi Jr è tornato in azione grazie ai regolamenti Rally 2 vincendo tutte le PS di oggi e chiudendo secondo, mentre Sergey Remennik. si è capottato nella PS7 nonostante fosse riuscito a rientrare in gara.

ERC3: Banaz precede i compagni di squadra
Bugra Banaz ha vinto in Classe ERC3 nonostante un’uscita di strada lo avesse fatto sudare freddo nella PS8. Affiancato da Burak Erdener, il pilota del Castrol Ford Team Turkey aveva già perso tempo nella PS1 di ieri per il reset della centralina ECU sulla sua Ford Fiesta R2T, poi è riuscito a recuperare e a superare il compagno di squadra Ümit Can Özdemir nella PS5 senza mai farsi riprendere. Özdemir, che ha riportato problemi al cambio, è secondo davanti a Ismet Toktas.

Leggi altri articoli in FIA ERC

Commenti chiusi

Articoli correlati