WRC – Pirelli pronta al Rally di Sardegna

Prokop e Bertelli i gommati italiani più attesi

WRC – Pirelli pronta al Rally di Sardegna

Per Pirelli il Rally Italia Sardegna rappresenta l’appuntamento di casa, dove i piloti privati che corrono con i suoi pneumatici avranno un stimolo in più per fare bene contro i team ufficiali. Per il settimo rally stagionale del Campionato del Mondo avranno a disposizione la più recente evoluzione dei famosi pneumatici Scorpion K, per misurarsi sulle strade di una delle gare più esigenti dell’intero calendario. Per celebrare l’evento iridato di casa, Pirelli ha realizzato delle speciali installazioni sulla prova speciale di Tula (PS3 e PS7 del venerdì), che permetteranno ai tifosi una visione spettacolare dei protagonisti in azione a sottolineatura dell’impegno di Pirelli nel mondiale rally, che risale alla nascita stessa della serie nel 1973. Il tracciato della Sardegna e’ caratterizzato da uno sterrato sabbioso da cui affiorano spesso delle pietre taglienti, che in passato hanno portato tanti piloti a forare. Non solo, presenta alcuni salti notevoli e prove speciali assai lunghe, il che significa mettere alla corda ogni aspetto prestazionale delle gomme e la loro resistenza. A cui si aggiungono le possibili temperature ambientali elevate, che rendono ancora più probanti le prove su fondo abrasivo. Caratterizzati da precisa risposta allo sterzo, eccellente controllo in frenata e grande trazione , gli Scorpion K sono perfetti anche nelle prove veloci con grip limitato, grazie soprattutto all’esclusivo disegno del loro battistrada, che garantisce massima aderenza in curva. Le ultime evoluzioni sono state rivolte soprattutto al rafforzamento della struttura del pneumatico, per assicurare una robustezza all’altezza di quelle prestazioni che fanno di Pirelli un leader mondiale in fatto di pneumatici ad altissime prestazioni. Il rally con sede ad Alghero prevede 19 prove speciali per un totale di 324 km di tratti cronometrati. La prova più lunga, quella di Monte Lerno, e’ di ben 44 chilometri, mentre l’ultima tappa non prevede parchi assistenza prima della power stage conclusiva a Sassari. Principali piloti Pirelli avrà sei piloti fra i privati in lizza nella classe di vertice, la WRC1, e sette fra i protagonisti della categoria WRC2. Inoltre presenterà come al solito nel WRC3 le due vetture del team supportato da ACI e Pirelli per i giovani e promettenti Fabio Andolfi e Damiano de Tommaso. Con le WRC1, ai consueti Martin Prokop, Lorenzo Bertelli e Valeriy Gorban, si aggiungono lo svizzero Federico della Casa, l’estone Mait Maarend, e l’italiano Roberto Tononi. Mentre in WRC2, all’ex campione europeo Armin Kremer si affianca Nicholas Fuchs, entrambi con le Skoda Fabia R5. Pneumatici e regolamento Nel corso del rally I piloti delle WRC1 potranno utilizzare al massimo 32 pneumatici (30 per le WRC2). In Italia la scelta per i piloti Pirelli sarà entro un lotto di 32 Scorpion KHB Rinforzato in mescola dura e di 16 Scorpion KSB Rinforzato in mescola morbida per le prove più sabbiose è più fredde. Tutti i pneumatici saranno in misura 205/65-15. Dichiarazioni Terenzio Testoni, Pirelli rally activity manager: “La Sardegna e’ sempre un’occasione speciale per noi ed aspettiamo con curiosità in particolare la prova di Tula del venerdì, dove ci sarà tantissima gente. Ma ovviamente non sottovalutiamo la sfida tecnica di questo rally, che sia per temperature che per tipo di fondo è forse il più difficile di tutta la stagione. Sin qui i nostri piloti privati hanno dimostrato di essere capaci di conquistare punti anche in mezzo ai piloti ufficiali e questo sarà di nuovo il nostro obiettivo. Poi facciamo affidamento sui nostri due Junior, dato che è nostro particolare impegno, orgoglio e filosofia aziendale il sostenere le nuove generazioni destinate a diventare i campioni del futuro”.

Leggi altri articoli in Rally

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati