Formula E – Long Beach: Di Grassi approfitta del KO di Buemi e vola al comando della classifica

Formula E – Long Beach: Di Grassi approfitta del KO di Buemi e vola al comando della classifica

Certo non si può dire che le gare di Formula E siano noiose. Ancora una volta la categoria full electric ha offerto uno spettacolo fantastico con una gara incerta e ricca di colpi di scena. A cominciare dal pre gara in cui le coperture della vettura di Antonio Felix Da Costa sono state trovate conla pressione più bassa del minimo consentito dal regolamento, Inevitabile la squalifica del portoghese che è stato costretto a partire dal fondo della griglia, alle spalle di Nelson Piquet Jr, anch’egli penalizzato non solo in qualifica, ma anche in gara, in cui ha dovuto scontare 10″ di stop&go al cambio vettura. Sam Bird si è quindi avviato al comando seguito da Lucas Di Grassi. Mentre Frijins attaccava Heidfled (che bloccava e perdeva parecchie posizioni), Sebastien Buemi cominciava la sua rimonta con un bel sorpasso su Daniel Abt all’ultimo tornantino. Dopo aver raggiunto Robin Frijins che occupava il quarto posto, proprio all’ultimo tornantino Buemi arrivava lungo e tamponava Frijins. Entrambi i piloti hanno cercato di proseguire la gara ma dopo pochi giri la direzione gara ha esposto la bandiera nera con bollo arancio ad entrambe le vetture. Nel frattempo Lucas Di Grassi attaccava con successo Sam Bird, issandosi al comando della corsa. Dopo il pit stop, sam Bird ha tentato di andare all’attacco di Di Grassi ma un bloccaggio l’ha spedito contro le barriere. Nella sfortuna Bird è stato molto fortunato a non danneggiare l’auto e a poter rilanciarsi all’attacco di Bruno Senna, risalito nel frattempo al quinto posto alle spalle del compagno di squadra Nick Heidfeld. Nel frattempo la direzione gara commina tre Drive Throurgh: uno per Sebastien Buemi per il contatto con Robin Frijins, uno per Nicolas Prost (che era al quarto posto in quel momento) per non aver rispettato il tempo minimo imposto per il cambio vettura e uno per Salvador Duran, reo di aver utilizzato troppa potenza con la prima monoposto. Nonostante le sfortune, Buemi è molto bravo a segnare il giro più veloce, che gli vale ben due punti. A sei giri dal termine un ennesimo colpo di scena: Nelson Piquet Jr (che in questa stagione è l’ombra di se stesso) colpisce male il cordolo in curva 1 e impatta contro le barriere. Inevitabile l’ingresso della safety car, mentre Da Costa, splendido settimo dopo essere scattato dall’ultimo posto, è costretto al ritiro. Negli ultimi tre giri però Di Grassi riesce a regolare Stepahne Sarrazin e conquista gara e primato nella categoria per un solo punto nei confronti di Buemi. Ottimo secondo Sarrazin, che ha tenuto il passo del rivale brasiliano per tutta la gara mentre Daniel Abt ha portato anche la seconda Audi sul podio, sfiorando la doppietta. Alle spalle delle ottime Mahindra e di uno sconsolato Bird, hanno chiuso le Dragon Racing con Jerome D’Ambrosio a precedere Loic Duval. Primi punti in Formula E per Simona De Silvestro, nona, mentre Mike Conway ha chiuso la top ten sul tracciato che lo vide due volte vincitore in Indycar.

Leggi altri articoli in Formula E

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati