24 Ore di Daytona – Rigon: “Gara complicata ed esaltante”

Il veneto in compagnia di Vilander e Bruni ha chiuso al sesto posto

24 Ore di Daytona – Rigon: “Gara complicata ed esaltante”

Una 24 Ore di Daytona magra sotto il profilo del risultato per Davide Rigon e i compagni Fisichella-Vilander-Beretta, ma non del potenziale espresso dall’equipaggio del team Risi Competizioni e dalla nuova Ferrari 488 GTE, nonostante il battesimo di fuoco nelle competizioni. Un sesto posto finale condizionato dal tamponamento subito da parte di una Ford nelle prime ore del mattino.

Il fine settimana in Florida, valido anche per la prima tappa dell’Imsa SportsCar Championship, inizia sotto la pioggia e Fisichella e Vilander animano le prove libere.

In occasione del turno di qualifica, con pista asciutta, Davide copre i suoi primi tre giri per iniziare a conoscere la pista in vista della maratona.

La prima parte di gara scorre via veloce con la #62 determinata a rimontare occupando le posizioni di vertice, fino alle 6 del mattino quando Beretta viene tamponato dalla Corvette. I commissari attribuiscono la colpa al monegasco, penalizzando la vettura con un drive-through e facendo precipitare l’equipaggio in ultima posizione.

L’episodio decisivo avviene durante lo stint di Fisichella, tamponato dalla Ford. L’incidente rovina il diffusore posteriore costringendo la Rossa ad una lunga sosta ai box. Nonostante l’ottimo lavoro dei meccanici il danno è importante e le prestazioni della 488 sono definitivamente compromesse.

“Come ogni 24 Ore, è stata una corsa veramente tosta, ma sono soddisfatto sia per l’affidabilità dell’auto che per le mie prestazioni guidando complessivamente per quasi 8 ore – le parole del driver veneto – Purtroppo il risultato finale è stato compromesso dal tamponamento della Ford che ci ha rovinato l’aerodinamica. Durante la sosta abbiamo tolto il fondo, intervenendo sull’ala posteriore per compensare il carico perso sacrificando quindi la velocità nei rettilinei, con la conseguenza di alzare il ritmo di 2”, secondi. Parliamo di una vettura molto “delicata” in cui ogni profilo aerodinamico ha un ruolo importante. Mi sono trovato molto bene con Fisichella e Vilander a cui auguro un buon proseguimento di campionato. Non avevo mai guidato insieme a loro. La mia stagione nel World Endurance Championship inizierà invece a Silverstone il prossimo 17 aprile”.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati