WRC – Anna Andreussi: “In Sardegna principalmente per divertirci”

Partita l'avventura nel mondiale di Andreucci e della Peugeot

WRC – Anna Andreussi: “In Sardegna principalmente per divertirci”

Peugeot gli ha voluto fare un regalo coi fiocchi per i suoi 50 anni e così Paolo Andreucci ha potuto schierarsi ai nastri di partenza del Rally di Sardegna, sesto appuntamento del mondiale 2015 per mettersi alla prova in mezzo agli esperti della categoria sempre accompagnato dalla 208 T16 e soprattutto dalla navigatrice e moglie Anna Andreussi.

“Siamo qui soprattutto per divertirci perché il nostro focus principale rimane il CIR – le parole della copilota friulana prima di indossare il casco ed affrontare la ps show sul porto di Cagliari – Devo ammettere però che qui è più bello, sia per il forte impegno richiesto, sia per il pubblico. Infatti nello shakedown di Putifigari come qui ho visto tantissime persone, molte di più che nelle nostre gare e sentire il loro sostegno mi ha fatto grande piacere. Seppur con meno pressione addosso dato che non ci giochiamo e non rischiamo di compromettere nulla, cercheremo innanzitutto di portare la macchina a casa, cosa non facile, e in secondo luogo di fare bella figura. Dovremo un po’ capire il ritmo e le nostre possibilità. La vettura d’altronde non ha mai percorso tratti così lunghi e difficili e noi stessi non siamo abituati a percorsi del genere. Sarà insomma come disputare tre round del Tricolore”.

Poi su un potenziale piazzamento ha ribadito: “Non saprei. E’ dura fare pronostici. Tra l’altro al via ci sono le regional che sono derivate dalle WRC, dunque più performanti della nostra, e le R5 che vanno molto bene…”.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati