L’incidente al SilkWay Rally costa caro a Gardemeister

L’incidente al SilkWay Rally costa caro a Gardemeister

Ci sono alcune novità in merito all’incidente di Toni Gardemeister avvenuto durante il SilkWay Rally lo scorso 10 luglio. Inizialmente ricoverato all’ospedale di Astrakhan dove gli è stata diagnosticata la frattura di due vertebre, una delle quali scomposta, è stato trasportato con un volo speciale a Helsinki quattro giorni dopo.

Il finnico, sottoposto ad un lungo intervento durato sette ore durante il quale gli è stata applicata una placca nella schiena per ridurre la lesione, dovrà tralasciare la sua passione per i traversi per quasi un anno, almeno questo è ciò che emerge dalle dichiarazioni dall’equipe medica che l’ha curato secondo cui ci vorranno circa tre mesi prima che possa riprendere anche solo a muoversi normalmente.

“Avevamo notato un’auto ferma sul ciglio della strada e senza rendercene conto siamo finiti in un avvallamento” – ha raccontato Gardemeister ricordando l’accaduto – “Subito dopo ho sentito un incredibile dolore alla schiena, era talmente forte che non riuscivo a fare niente. Per fortuna che per  il mio co-pilota Agris Petersons non ci sono stati problemi!”.

Sui lunghi tempi di recupero il pilota ha invece ammesso – “La cosa più difficile è sapere che dovrò stare lontano dai rally per tanto tempo, comunque continuerò a combattere e farò del mio meglio per tornare il prima possibile visto che lontano dalle gare esisto soltanto ma non vivo…”.

Leggi altri articoli in Rally

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati