CIR

Suzuki Rally Trophy | Giorgio Cogni vince un Targa Florio combattuto ed incerto sino alla fine

Cronaca e classifiche della terza prova stagionale del monomarca

Suzuki Rally Trophy - Battaglia sino all'ultima speciale nel trofeo monomarca svoltosi in occasione del Targa Florio: Cogni si conferma sempre più leader della corsa, mentre si prende la sua rivinciata Andrea Scalzotto
Suzuki Rally Trophy | Giorgio Cogni vince un Targa Florio combattuto ed incerto sino alla fine

La cornice unica e leggendaria del Targa Florio ha offerto lo scorso weekend non solo la lotta per il Campionato Italiano Rally ma anche competizioni parallele come il Suzuki Rally Trophy, terza tappa del monomarca che vede protagonista le piccole ma competitive Swift. E dove il giovane Giorgio Cogni conferma l’ottima prova nel precedente Rally Sanremo vincendo anche la tappa sicula.

Ad aprire le danze il miglior tempo centrato da Stefano Martinelli sulla Suzuki Swift 1.0 BoosterJet nella Prova Spettacolo “Blutec” svoltasi la sera di venerdì 4 maggio, che si piazza così primo nella provvisoria davanti ad un ottimo Fabio Poggio a bordo della Swift 1.0 BoosterJet RS/RSTB per il team CST, attardato di un solo decimo di secondo, mentre sei decimi dietro si posiziona Andrea Scalzotto; solo quarto Cogni con un gap da Martinelli di un secondo e sei decimi.
Il giorno dopo però tutto cambia: Simone Rivia (Swift Sport 1600 R1B per il Versilia Rally Team) parte subito con il vento in poppa, deciso a riscattare la precedente prova dove il suo ritiro gli tolse il comando della classifica assoluta. Ma la seconda prova speciale stravolge tutto, dimostrando il carattere imprevedibile di una gara come il Targa Florio: Cogni, su Swift Sport 1600 R1 e con al suo fianco nel sedile destro Gabriele Zanni, conquista la leadership, seguito da Poggio e da Martinelli, che perde terreno mentre Rivia riprende quota. In pratica troviamo quattro piloti in una classifica provvisoria cortissima, tutti chiusi in un solo secondo e sette decimi: tutto può ancora succedere ed infatti nella PS3 Poggio prende il comando sia della speciale che della gara, seguito da Cogni ad un secondo ed otto e da Martinelli e Rivia. Anche nella PS3 di Bergi il savonese conquista la prova e mantiene il vertice della classifica sino alla quinta speciale, dove inizia la rimonta di Cogni che si riprende la prima posizione, per il terzo cambio di leader in questo Suzuki Rally Trophy in Sicilia.
Altro ribaltone nella sesta PS (la Power Stage, vinta da Martinelli davanti a Poggio e Cogni) in cui Poggio strappa a Giorgio Cogni il comando, lasciando il rivale al secondo posto pari merito con Martinelli, entrambi con due secondi e tre decimi di ritardo. I distacchi ora sono scesi a 16 secondi dentro i quali si trovano cinque piloti. Il driver del CST Team mollerà poi la prima posizione nell’ottava speciale, dove Cogni si riprende nuovamente la leadership in questa quadriglia continua tra piloti (specialmente tra il piacentino e il ligure) e dove rispunta Andrea Scalzotto, che registra il secondo miglior tempo, deciso a riscattare un avvio di stagione complicato.
La situazione si sblocca nella speciale numero 12, in cui Cogni effettua il grappling (per usare un termine delle arti marziali miste) sottomettendo l’avversario Poggio vittima di una penalizzazione: il piacentino affonda il colpo e si prende la vittoria finale, mentre Scalzotto completa la sua rivincita e batte nell’uno contro uno Martinelli, conquistando il secondo posto e relegando il rivale al terzo. Nella classifica generale le prime tre Suzuki, in virtù di questa battaglia serrata, conquistano il 23esimo, 24esimo e 26esimo posto assoluto, mentre tutte le Swift hanno concluso il Targa Florio, dove correva anche il messinese Sergio Denaro, che ha corso omaggiando la memoria dell’amico Mauro Amendolia, scomparso durante la scorsa edizione del Targa.

 

Classifica Suzuki Rally Trophy alla Targa Florio: 1. Cogni   – Zanni (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B – Meteco Corse) in 1h54’46.3; 2. Poggio – Cavallotto (Suzuki Swift Boosterjet 1.0 RstB – CST Sport) a 21.8; 3. Scalzotto – Andrian (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B – Funny Team) a 41.5; 4. Martinelli – Baldacci (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet RSTB – G.R. Motorsport) a 1’29.1; 5. Rivia – Faettini (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B – Versilia Rally Team) a 1’33.5; 6. Denaro – Genovese (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B – CST Sport) a 4’58.2

Conduttori:1. Cogni punti 50; 2. Martinelli 44; 3. Poggio 39; 4. Rivia 28; 5. Scalzotto 22; 6. Denaro 12; 7. Peloso 10; 8. Cazzola 8; 9. Soliani e Strabello 7; 10. Pollarolo 6.

Navigatori: 1. Zanni 50; 2. Baldacci 44; 3. Faettini 28; 4. Andrian 22; 5. Cavallotto 21; Iguera 10; 4. De Paoli 6; 6. Pozzon 6; D’Alessandro 0.

Calendario Suzuki Rally Trophy: 25 marzo 41° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio; 15 aprile Rally Sanremo; 6 maggio 102° Targa Florio; 27 maggio 51° Rally Elba 2018; 22 luglio Rally Roma Capitale; 23 settembre 25° Rally Adriatico (terra); 14 ottobre 36° Rally Due Valli.

Albo d’Oro Suzuki Rally Trophy: 2014 Michele Tassone; 2015 Alessandro Uliana; 2016 Jacopo Lucarelli, Under 25 Coppe; 2017 Lorenzo Coppe, Under 25 Lorenzo Coppe, Campione Italiano R1 Stefano Martinelli.

Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati