Blancpain | Brands Hatch: Orange1 Racing limita i danni nel fine settimana dominato da Audi

La Lamborghini di Bortolotti/Engelhart a punti nonostante i 20 kg di Balance of Performance

Blancpain Sprint Series - Due grandi rimonte hanno portato in top ten la vettura campione in carica della categoria
Blancpain | Brands Hatch: Orange1 Racing limita i danni nel fine settimana dominato da Audi

La Blancpain GT Series è tornata in pista a Brands Hatch, per la prima delle due gare su suolo britannico. Sul tracciato del Kent sono scese in pista le vetture della serie Sprint, mentre tra due settimane toccherà all’Endurance Series con la 3 ore di Silverstone. A Brands Hatch ha dominato lo squadrone Audi, con le vetture tedesche che compongono quasi metà dello schieramento di partenza.

Dries Vanthoor e Will Stevens hanno portato l’Audi R8 LMS del team WRT dalla pole alla vittoria in gara 1. Il giovane belga ha preso il via, allungando nella fase iniziale della corsa sul più giovane dei fratelli Schothorst, Stejn. Le posizioni sono rimaste invariate anche dopo il cambio pilota, con Stevens e Kelvin Van Der Linde subentrati ai compagni di colori. Il pilota sudafricano ha però iniziato un forcing impressionante, portandosi in pochi giri nella scia dell’ex pilota di Caterham e Manor. Forte della sua esperienza, Stevens non ha commesso il minimo errore, rendendo vano qualsiasi tentativo di attacco del rivale e aggiudicandosi la vittoria. Nel giro finale Van Der Linde è stato poi costretto ad alzare il piede a causa di una foratura, che lo ha fatto retrocedere addirittura all’ottavo posto, cedendo il podio all’altra Audi del team WRT di Mies/Riberas e alla Mercedes di Marciello/Meadows, che resterà l’unica vettura non Audi a salire sul podio.

Mirko Bortolotti e Christian Engelhart hanno chiuso al decimo posto, portando in zona punti la Lamborghini dell’Orange1 Racing. La coppia campione in carica aveva dominato il fine settimana di Brands Hatch nella passata stagione, ma quest’anno è stata appesantita di 20 kg dopo il turno di prove libere del venerdì. Questo non ha impedito a Bortolotti di firmare il quarto posto in qualifica, ma una penalità ha spedito la Lamborghini #63 all’ultimo posto in griglia di partenza. I campioni in carica non si sono però persi d’animo, rimontando di forza fino ad entrare in zona punti. In gara due Bortolotti è stato protagonista di un grande start, portandosi subito in quinta posizione dalla decima casella di partenza. Purtroppo, a causa dei 20 kg di zavorra, la rimonta del team Orange1 Racing si è fermata qui, con una top five sicuramente molto positiva in termini di punti, am con l’amaro in bocca per un fine settimana che avrebbe certamente potuto regalare un’altra vittoria.

Il podio è stato appannaggio di nuovo di tre Audi, con un’altra doppietta del team belga WRT. A vincere è stata la coppia composta da Frederic Vervisch, poleman il sabato, e Stuart Leonard, ora capoclassifica in solitaria. Un altro secondo posto per Mies/Riberas, che hanno preceduto Schothorst/Van Der Linde, che si sono così riscattati dopo una gara 1 estremamente sfortunata. Quarto posto per Marciello/Meadows, che si confermano al top, mentre i vicnitori della prima manche Vanthoor/Stevens sono stati costretti alla resa a causa del cedimento della sospensione posteriore destra.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati