Domenica di successi per i clienti di Hyundai Motorsport

Leadership nel WTCR, tanti podi nei rally

Weekend impegnativo per la Hyundai, che ha conquistato diverse vittorie in tutti i continenti e in diverse discipline. Pesante successo di Gabriele Tarquini nel WTCR, importanti i risultati della Bryan Herta Autosport nel Pirelli World Challenge.
Domenica di successi per i clienti di Hyundai Motorsport

Questo ultimo fine settimana la Hyundai ha raccolto molti risultati preziosi nei vari campionati internazionali e nazionali, che confermano l’impegno che la casa coreana sta mettendo nel suo programma sportivo e il livello di competitività delle proprie vetture, anche se affidate a team clienti.

In Ungheria, sul circuito dell’Hungaroring, è andata in scena la seconda tappa del WTCR, che vede ancora una volta Gabriele Tarquini al comando della classifica piloti, oltre a uscire vincitore in gara-3 in un week-end che ha visto ben tre diversi vincitori; il Cinghio ha raccolto anche un podio in gara-2 con la sua i30 N TCR. Nessuna vittoria per Norbert Michelisz che ha segnato ben due pole position davanti al suo pubblico, ma comunque due volte sul podio. Ottimi risultati anche per Yvan Muller – 3° in gara-3 – e per il giovanissimo Daniel Nagy, che ha raccolto ben 40 punti. L’italiana BRC Racing Team rimane saldamente al comando nella classifica a squadre.

Sul suolo nostrano è riparto il Campionato TCR, dove il BRC Racing Team si è presentato con due i30 N TCR destinate a Eric Scalvini e Federico Paolino. Purtroppo, a Imola non sono arrivati i risultati sperati, soprattutto dopo i buon tempi fatti registrare nelle prove libere. Diversi contatti e alcuni errori dei piloti hanno condizionato il buon lavoro svolto e solamente Nicola Baldan – campione uscente del TCR Italy e passato dalla SEAT alla Hyundai proprio quest’anno, gestita dalla Pit Lane Competizione – ha colto un 5° posto in gara-2, dopo una rimonta dal 17° posto in griglia. Dall’altra parte dell’Oceano, Hyundai America e la Bryan Herta Autosport continuano la loro avventura nel Pirelli World Challenge. Al Virginia International Raceway Michael Lewis ha segnato la pole position per gara-2 grazie al giro veloce di gara-1, in cui era giunto 2° dopo esser partito 14°. Però, alla domenica, Lewis ha dovuto lasciare la vittoria al compagno Mark Wilkins, dopo aver condotto la corsa in testa prima che si manifestasse un piccolo problema tecnico sulla sua vettura.

Primo successo di sempre per Armindo Araújo e il suo co-pilota Luis Ramalho nel campionato rallistico portoghese per il neonato Team Hyundai Portugal. Importanti sono state le ultime speciali del Rali de Mortagua, tiratissimo fino all’ultimo chilometro. In top-5 anche l’equipaggio composto da Carlos Vieira e da Jorge Eduardo Carvalho, mentre Manuel Castro e Luís Costa si sono classificati sesti con la i20 R5 della Racing 4 You. Anche nella vicina Spagna la Hyundai si è dimostrata competitiva: nel Rallye Sierra Morena dello scorso 12-14 aprile Surhayen Pernía e il campione uscente Iván Ares si sono classificati al 2° e 4° posto. Bene anche in Francia, dove Bryan Bouffier ha colto un 2° posto al Rallye Lyon-Charbonniéres Rhône, mentre in Slovenia Claudio de Cecco è 2° al Rally Vipavska dolina. Per concludere, nel campionato Middle East Eddy Abou-Karam si è classificato 3° nel Spring Rally in Libano.

Diego Dominguez ha portato la il team Hyundai Paraguay sulle prove speciali del Rally d’Argentina, prendendo parte come iscritto al South American FIA Codasur Championship. Nonostante una penalità, il paraguaiano ha colto un 4° posto nella categoria WRC2. Il numero delle i20 R5 impegnate nei vari campionati nazionali sono in aumento: Łukasz Byśkiniewicz è il primo pilota a portare la vettura nel campionato polacco, dove ha portato a casa un buon 8° posto nel Rajd Świdnicki. Keith Cronin ha guidato la vettura coreana al Pirelli International Rally, dove è giunto 3°.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati