Formula E – Roma | DS Virgin Racing ci porta alla scoperta del tracciato di Roma con il simulatore

Abbiamo provato in anteprima il tracciato che ospiterà il primo e-prix italiano

E-prix di Roma DS Virgin Racing ci svela come si prepara ad una gara di Formula E
Formula E – Roma | DS Virgin Racing ci porta alla scoperta del tracciato di Roma con il simulatore

Prosegue la nostra marcia di avvicinamento all’e-prix di Formula E più atteso dell’anno. Sabato 14 aprile le venti monoposto completamente elettriche prenderanno il via delle-prix di Roma, nella cornice del quartiere dell’EUR per disputare i 33 giri previsti di gara.

La pista nella Città Eterna è la seconda più lunga della stagione grazie ai suoi 2,84 km, ma può vantare il maggior numero di curve, ben 21. Motorionline ha avuto modo, grazie a DS Performance, di provare in anteprima il tracciato sul simulatore ufficiale del team DS Virgin. La scocca della Spark è posta al centro di una parete leggermente incurvata, che permette di avere una visuale a 360° con l’ausilio di ben tre proiettori. Un ingegnere deve sempre essere presente nell’apposita stazione posizionata alle spalle dell’abitacolo ed è a costante contatto radio con il pilota.

Il circuito nel complesso è molto piacevole, con una buona alternanza di curve lente e molto tecniche, dove bisogna trovare un buon ritmo e di curvoni veloci che terminano in staccate durissime che favoriranno certamente i tentativi di sorpasso. Una delle zone più calde sarà certamente la staccata dopo la linea di partenza su Via Cristoforo Colombo. Ma attenzione anche alle staccate di curva 5 e curva 9, subito dopo i punti più veloci della pista. In particolare, la staccata di curva 5 è proprio in mezzo alla curva più veloce del tracciato e sarà molto facile vedere bloccaggi ed errori in quel punto.

La sezione più guidata del circuito è invece quella che precede il rettilineo di arrivo e in cui si trova anche l’ingresso per la lunga corsia box. Spettacolare infine la visuale che si presenta appena prima dello stretto destra-sinistra che immette sull’altro rettifilo, quello di partenza. Dinanzi agli occhi dei piloti si presenta infatti l’obelisco Marconi, costruito in occasione di un altro grande evento sportivo della capitale, i Giochi Olimpici del 1960.

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati

Formula E – Roma | DS Virgin Racing ci porta alla scoperta del tracciato di Roma con il simulatore

Abbiamo provato in anteprima il tracciato che ospiterà il primo e-prix italiano

di 11 aprile, 2018
E-prix di Roma DS Virgin Racing ci svela come si prepara ad una gara di Formula E
Formula E – Roma | DS Virgin Racing ci porta alla scoperta del tracciato di Roma con il simulatore

Prosegue la nostra marcia di avvicinamento all’e-prix di Formula E più atteso dell’anno. Sabato 14 aprile le venti monoposto completamente elettriche prenderanno il via delle-prix di Roma, nella cornice del quartiere dell’EUR per disputare i 33 giri previsti di gara.

La pista nella Città Eterna è la seconda più lunga della stagione grazie ai suoi 2,84 km, ma può vantare il maggior numero di curve, ben 21. Motorionline ha avuto modo, grazie a DS Performance, di provare in anteprima il tracciato sul simulatore ufficiale del team DS Virgin. La scocca della Spark è posta al centro di una parete leggermente incurvata, che permette di avere una visuale a 360° con l’ausilio di ben tre proiettori. Un ingegnere deve sempre essere presente nell’apposita stazione posizionata alle spalle dell’abitacolo ed è a costante contatto radio con il pilota.

Il circuito nel complesso è molto piacevole, con una buona alternanza di curve lente e molto tecniche, dove bisogna trovare un buon ritmo e di curvoni veloci che terminano in staccate durissime che favoriranno certamente i tentativi di sorpasso. Una delle zone più calde sarà certamente la staccata dopo la linea di partenza su Via Cristoforo Colombo. Ma attenzione anche alle staccate di curva 5 e curva 9, subito dopo i punti più veloci della pista. In particolare, la staccata di curva 5 è proprio in mezzo alla curva più veloce del tracciato e sarà molto facile vedere bloccaggi ed errori in quel punto.

La sezione più guidata del circuito è invece quella che precede il rettilineo di arrivo e in cui si trova anche l’ingresso per la lunga corsia box. Spettacolare infine la visuale che si presenta appena prima dello stretto destra-sinistra che immette sull’altro rettifilo, quello di partenza. Dinanzi agli occhi dei piloti si presenta infatti l’obelisco Marconi, costruito in occasione di un altro grande evento sportivo della capitale, i Giochi Olimpici del 1960.

http://motorsport.motorionline.com/2018/04/11/formula-e-roma-ds-virgin-racing-ci-porta-alla-scoperta-del-tracciato-di-roma-con-il-simulatore/