Formula E: Svelata al pubblico la nuova vettura che avrà impianto frenante Brembo

Al Salone di Ginevra è stata svelata la seconda generazione di vetture per le prossime stagioni

Formula E: Svelata al pubblico la nuova vettura che avrà impianto frenante Brembo

Martedì 6 marzo Alejandro Agag, CEO dell’ABB FIA Formula E, ha presentato ufficialmente la nuova vettura che le dieci squadre del campionato utilizzeranno nelle prossime tre stagioni, a partire da quella numero cinque che si disputerà a cavallo tra il 2018 e il 2019 e che rappresenterà una vera e propria rivoluzione della categoria. La nuova monoposto non sarà infatti l’unica novità: le batterie avranno una durata esponenzialmente maggiore a quelle attuali e permetteranno ai piloti di percorrere l’intera distanza di gara, eliminando il fatidico, e mai veramente digerito dai puristi del motorsport, cambio vettura.

La Gen2, le cui forme si presentano come pionieristiche nel panorama delle monoposto, sarà equipaggiata da freni Brembo, una vera e propria garanzia nel mondo del motorsport e non solo. L’azienda bergamasca è stata scelta come partner esclusivo della Spark Racing Technology (SRT), fornitore unico dei telai di Formula E, e fornirà l’intero impianto frenante, comprensivo di dischi e pastiglie in carbonio.

Il Presidente di Brembo Alberto Bombassei commenta: “Sono particolarmente soddisfatto di questo successo, perché rappresenta il coronamento del forte impegno tecnologico che tutta la Brembo, e in particolare i team Racing e R&D, ha dedicato allo studio e alla realizzazione dell’impianto scelto da SRT, che voglio ringraziare per la fiducia a noi accordata.

Per un’azienda da sempre impegnata nell’innovazione continua come Brembo, la monoposto Spark per il campionato FIA di Formula E rappresenta un prezioso laboratorio mobile per lo sviluppo della tecnologia applicata all’elettrico, che è la vera sfida per il futuro – se non già per il presente – del settore automotive. In quest’ottica siamo inoltre lieti di condividere la visione e l’impegno della FIA per la sostenibilità del business, dello sport e per la sicurezza stradale”.

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati