24 Ore di Daytona – Rigon: “Avremmo potuto lottare per il podio”

Quinto posto con la Ferrari 488 GTE del Risi Competizione

24 Ore di Daytona – Rigon: “Avremmo potuto lottare per il podio”

Durante il rientro in Italia, Davide Rigon traccia un bilancio della 24 Ore di Daytona a cui ha preso parte nel fine settimana appena trascorso. Il pilota veneto ha concluso la gara al quinto posto in classe GTLM al volante della Ferrari 488 GTE del Risi Competizione insieme ad Alessandro Pier Guidi, James Calado e Toni Vilander.

Lungo i 5700 metri del Daytona International Speedway la vettura di Maranello si è dimostrata ancora una volta veloce e performante (miglior giro in gara in 1’44”008)  lottando per il podio con i principali avversari, occupando nella prima metà della corsa le posizioni di vertice salvo poi accusare alcuni problemi come la rete di sicurezza in abitacolo, una foratura e la sostituzione di una portiera che hanno compromesso l’esito della gara. Complici inoltre i guai tecnici che hanno fatto perdere al team 6 giri, situazione che non ha più potuto essere capovolta visti i distacchi abissali nei confronti dei primi.

“Il quinto posto non rende giustizia al potenziale della nostra Ferrari 488 anche se le Ford si sono dimostrate più veloci”, afferma Rigon. “Avremmo potuto lottare per il podio, ma alcuni problemi ci hanno fatto perdere diverse posizioni e l’assenza di neutralizzazioni non ci ha aiutati nella rimonta. Resta la soddisfazioni di aver portato a termine una gara complessa come qualsiasi 24 Ore senza commettere errori e con la consapevolezza di avere a disposizione una grande macchina per la stagione che sta per iniziare”.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati