FIA ERC – Il focus sulle prove stagionali 2018

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
FIA ERC – Il focus sulle prove stagionali 2018

Azores Airlines Rallye (22-24 marzo). Basato sulla più grande isola dell’arcipelago medio atlantico di São Miguel, la manifestazione ha celebrato il suo mezzo secolo nel 2015 e rimane uno degli eventi più spettacolari del calendario internazionale. Tappe mozzafiato e paesaggi lussureggianti, caratterizzati dalla superficie sabbiosa e dalla natura stretta e ondulata. E poiché i test a tempo spesso non sono più ampi della larghezza di un’auto, non c’è semplicemente margine di errore, in particolare sul test di Sete Cidades lungo il bordo di un lago vulcanico. Il tempo variabile è anche un fattore con condizioni che passano dal sole alle docce e alle zone di nebbia.

Rally Islas Canarias (3-5 maggio). Con gli stadi che salgono e scendono a una frequenza frequente, i conducenti prestano molta attenzione alla velocità e alle linee d’angolo per mantenere il momento ottimale, mentre l’impostazione precisa della vettura e la precisione del pacenote sono vitali. Una delle caratteristiche degne di nota degli stadi sigillati è la superficie abrasiva, costruita in parte dalla lava vulcanica. Significa che i livelli di aderenza sono alti e rimangono costanti se piove, sebbene l’usura degli pneumatici possa aumentare. Tuttavia, con l’opportunità di limitare i “tagli” agli angoli, le strade rimangono relativamente libere da detriti. Ritornando al programma ERC nel 2016, è un grande rally su numeri di sfida e spettatori.

Rally dell’Acropoli (1-3 giugno). Per oltre 60 anni, il Rally dell’Acropoli ha reso eroi e cuori infranti. Per tutto quel tempo, il suo status leggendario è rimasto immutato con l’edizione del 2017 che offre il solito mix di trionfo (per Kajetan Kajetanowicz) e disperazione (per Nikolay Gryazin, che era in testa quando la sua auto è stata distrutta da un incendio). Regista dell’ERC fino al 1968, l’evento è tornato al campionato europeo nel 2014, quando Loutraki sulle rive del Golfo di Corinto ha ospitato la 60esima edizione, un affare di superficie mista. Attualmente, in collaborazione con la federazione greca OMAE in ghiaia, Lamia è presente dal 2016.

Rally di Cipro (15-17 giugno). Dal 1970, il Rally di Cipro ha messo a dura prova la macchina e l’equipaggio. E mentre il formato attuale è un po ‘meno faticoso di quanto non fosse una volta, sottovalutare la natura impegnativa di questo rally dei pesi massimi sarebbe un grosso errore. Per segnare il suo ritorno al roster ERC nel 2014 per la prima volta dal 1999, un palcoscenico di strada rivoluzionario attraverso la Buffer Zone controllata dalle Nazioni Unite tra le aree greco-cipriote e turche abitate da Nicosia è stato organizzato e ha suscitato notevole interesse. Sebbene sia fondamentalmente un rally di ghiaia, le sezioni di Tarmac si presentano mentre la data di giugno fa punire le temperature ambientali e terrestri.

Rally di Roma Capitale (20-22 luglio). La progressione di questo emozionante evento sull’asfalto, organizzato e promosso da Motorsport Italia, è stato notevole. Dopo aver corso per la prima volta nel 2013, il Rally di Roma Capitale ha debuttato nell’ERC nel 2017, quando l’Italia è tornata al campionato europeo per la prima volta dal 2013, quando Rallye Sanremo era in calendario. Si è rivelato un grande successo con una sfilata di guida nel centro di Roma, uno spettacolare palcoscenico spettatore attorno al Palazzio della Civiltà del Lavoro nel quartiere EUR, seguito da due giorni di raduno pieno di azione su palchi a est ea sud-est di la capitale.

Barum Czech Rally Zlín (24-26 agosto). Sempre presente nel CER dopo la razionalizzazione del campionato nel 2004, il Barum Czech Rally Zlín ha sede nella città universitaria della Moravia meridionale, 300 chilometri a sud della capitale ceca, Praga. È un test Tarmac come nessun altro a causa della natura accidentata ea volte rotta del manto stradale. Per aggiungere alla sfida, diverse fasi prevedono esplosioni ad alta velocità attraverso le foreste e docce intermittenti sono sempre possibili. Mentre il tempo potrebbe essere difficile da prevedere, un gran numero di fan segue l’azione, specialmente sul palcoscenico superspeciale Zlín di apertura notturna. Il rally ha un contratto a lungo termine con il CER.

Rally Polonia (21-23 settembre) Uno dei più antichi rally del mondo è tornato al calendario ERC nel 2018 dopo una pausa di cinque anni, quando il Rally Poland sostituisce il Rally Rzeszow come il turno del campionato europeo per la sua 75 ° edizione. Prima corsa nel 1921, la casa del Rally in Polonia dal 2005 è Mikołajki nel pittoresco distretto dei laghi Mazurian, a tre ore di macchina a nord dalla capitale Varsavia, dove i palchi di ghiaia all-speed ad alta velocità sono all’ordine del giorno. Ed è stato a Mikołajki dove Kajetan Kajetanowicz è emerso per la prima volta come una forza importante nel CER, conquistando la vittoria nel 2013 prima di iniziare la sua tripla sequenza da record nel 2015.

Rally Liepāja (12-14 ottobre). Nato da un’idea di pilota di rally Raimonds Strokšs e primo successo con grande successo nel 2013, Rally Liepāja era originariamente un evento invernale, ma è passato all’autunno per il 2016. La nuova data è stata realizzata in modo nuovo rally con equipaggi adattati a stadi di ghiaia privi di neve e ghiaccio. Sebbene il periodo dell’anno fosse cambiato, le tappe ad alta velocità nella Lettonia occidentale continuarono a entusiasmare piloti e spettatori. E con il suo nuovo formato ormai consolidato, questo raduno lungimirante funge da perfetto finale di stagione con Liepāja che si rivela una destinazione popolare per i fan e i concorrenti.

7th dicembre, 2017

Tag:, ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini