ELMS – 4 Ore di Portimao, Villorba Corse: quinto posto finale in Portogallo

Va in archivio la prima stagione nella serie europea

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
ELMS – 4 Ore di Portimao, Villorba Corse: quinto posto finale in Portogallo

Il team Cetilar Villorba Corse conclude la 4 Ore di Portimao, ultima prova stagionale dell’European Le Mans Series, al quinto posto: la Dallara LMP2 dell’equipaggio Lacorte-Sernagiotto-Belicchi eguaglia il miglior risultato stagionale colto anche nel round casalingo di Monza. Il team italiano, l’unico tricolore fra i prototipi di classe LMP2, ha ufficialmente messo in archivio questa prima stagione nella serie europea, che lo ha visto anche al via della 24 Ore di Le Mans, vero fioche all’occhiello della stagione 2017.

Le parole del team principal Raimondo Amadio: “Sapevamo che la trasferta portoghese presentava delle difficoltà maggiori, dovute perlopiù a un circuito impegnativo come Portimao, ma abbiamo programmato una strategia sempre efficace e dopo delle qualifiche positive, dove abbiamo colto il settimo tempo, il migliore fra le Dallara, in gara abbiamo ulteriormente guadagnato posizioni grazie anche alla costanza dei piloti, che hanno completato al meglio il lavoro di squadra. Non era affatto semplice ottenere certi piazzamenti nell’annata d’esordio in una classe combattuta e di livello come la LMP2, oltretutto su un prototipo anch’esso alla prima assoluta. La stagione è stata importante e ci ha visto debuttare brillando pure alla 24 Ore di Le Mans, concluderla con un risultato per noi così positivo è il modo più bello e ci motiverà ulteriormente nel pianificare concretamente il futuro, che riserverà diverse novità”.

23rd ottobre, 2017

Tag:, , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini