WRC2 – Pontus Tidemand è Campione del Mondo con la Škoda

Terzo titolo team consecutivo per Škoda Motorsport

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
WRC2 – Pontus Tidemand è Campione del Mondo con la Škoda

A tre prove al termine della stagione del Mondiale Rally, Pontus Tidemand si laurea ufficialmente Campione del Mondo WRC2 grazie al terzo posto di classe (il dodicesimo in classifica generale) ottenuto nell’edizione numero 35 del Rally di Germania al volante della Škoda Fabia R5 ufficiale. Dopo Robert Kubica (2013), Nasser Al-Attiyah (2014 e 2015) ed Esapekka Lappi (2016), lo svedese è il quarto pilota a trionfare nel campionato riservato alle vetture di categoria R5 con quattro vittorie, un secondo e terzo posto conquistati finora. Per Škoda Motorsport si tratta del terzo titolo squadre consecutivo.

Da sottolineare che la stagione 2017, per quanto concerne il WRC2, è caratterizzata dalla supremazia Škoda, vincitrice sette volte col team ufficiale Škoda Motorsport e due volte col team Printsport. Solo la Ford Fiesta R5 di M-Sport ha dimostrato, seppur saltuariamente, di poter competere contro la vettura boema. E’ il caso della prova disputatasi in Germania questo fine settimana, con la prima vittoria stagionale di Eric Camilli e della Fiesta R5 Evo2.

Nel futuro di Tidemand potrebbero aprirsi le porte della categoria maggiore del Mondiale Rally, magari entrando in qualche programma di un costruttore svolgendo il ruolo di test driver, oltre a prendere parte a qualche prova al volante di una WRC Plus, effettuando così lo stesso percorso di alcuni suoi colleghi, ovvero Esapekka Lappi e Teemu Suninen.

https://twitter.com/PontusTidemand/status/899220199521611776

20th agosto, 2017

Tag:, , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini