CIR – Rally di San Marino, Škoda: seconda vittoria stagionale per Scandola

Il veronese rimane terzo in classifica, ma riduce la distanza dai primi

CIR – Rally di San Marino, Škoda: seconda vittoria stagionale per Scandola

Škoda Italia Motorsport e Umberto Scandola tornano al successo al Rally di San Marino, sesta prova stagionale del Campionato Italiano Rally. Nelle prime dieci prove speciali di gara-1, l’equipaggio della Škoda Fabia R5 ufficiale è partito subito forte dettando il ritmo della gara. Il pilota veronese, e il copilota Guido D’Amore, ha ottenuto il primato nelle prime cinque prove speciali, successivamente ha amministrato il vantaggio evitando rischi inutili.

In gara-2, nella quale erano previste due prove da ripetere per due volte, Scandola ha staccato il secondo tempo, vincendo con 17 secondi di vantaggio nella lunga prova di Apecchio (17 km). Grazie al successo, Scandola e D’Amore restano al terzo posto nelle rispettive classifiche, riducendo la distanza dai primi a due prove alla conclusione della stagione 2017.

“Finalmente è arrivata una grande soddisfazione per noi e per tutto il Team che ci ha messo a disposizione un’auto perfetta”, ha dichiarato Umberto Scandola. “Come abbiamo ripetuto negli ultimi giorni, questo rally era cruciale per la stagione: non potevamo sbagliare. Nello stesso tempo abbiamo sperato che la sfortuna che ci ha accompagnato nei rally precedenti si dimenticasse di noi e così è stato. Abbiamo attaccato quando serviva e ci siamo difesi quando il margine di vantaggio che avevamo sugli avversari ce lo permetteva. Anche da questo punto di vista siamo stati concreti. Le vetture di altri piloti hanno pagato la durezza del percorso, la nostra FABIA R5 è stata veloce e robusta. Adesso guardiamo agli ultimi impegni con un altro spirito e anche nei prossimi rally, vogliamo giocare fino all’ultima curva”.

Il tricolore rally tornerà in scena il 16 e 17 settembre con il Rally Roma Capitale.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati