CIR – Rally di San Marino: Škoda e Scandola impeccabili, secondo successo stagionale

Sul podio Andreucci e Nucita. Ritiro per Campedelli e Rovanpera

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
CIR – Rally di San Marino: Škoda e Scandola impeccabili, secondo successo stagionale

L’edizione numero 45 del Rally di San Marino, sesta prova stagionale del Campionato Italiano Rally che si è disputata nel fine settimana appena trascorso, anche quest’anno riconferma il successo di Umberto Scandola e Guido D’Amore e della Škoda Fabia R5, che hanno ottenuto la loro seconda vittoria stagionale dopo la prima nel Rally Adriatico.

Costantemente al comando dal primo all’ultimo chilometro, il duo di Škoda Italia Motorsport ha fornito una prestazione impeccabile, oltre a gestire il proprio distacco nei confronti degli avversari nella seconda ed ultima prova sulla terra della serie tricolore rally. Secondo posto per la Peugeot 208 T16 R5 di Paolo Andreucci, che allunga in classifica su Simone Campedelli, particolarmente sfortunato nella seconda tappa, conclusa con un ritiro.

Ritiro dopo una prestazione eccellente per Kalle Rovanpera: il giovane finlandese è stato costretto a rinunciare a ogni velleità di podio a causa di un problema tecnico alla sua Peugeot nell’ultimo trasferimento a San Marino. A chiudere il podio la Ford Fiesta del team Scuderia Phoenix di Andrea Nucita, che guadagna la terza posizione a seguito del ritiro di Campedelli.

Il CIR si prenderà qualche mese sosta per poi tornare operativo col Rally Roma Capitale, in programma il 16 e 17 settembre, penultimo appuntamento prima del Rally Due Valli che metterà in archivio un’altra stagione ricca di colpi di scena.

17th luglio, 2017

Tag:, , , , , , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini