Dakar 2015 – Al-Attiyah si rifà sentire

Nelle moto seconda tappa a Barreda Bort

Dakar 2015 – Al-Attiyah si rifà sentire

Privato della vittoria della prima tappa per eccesso di velocità Nasser Al-Attiyah si è rifatto nei 518 km della seconda da Villa Carlos Paz a San Juan.

Il qatariano si è messo dietro di ben 8′ 30 la Toyota di Giniel De Villers e di 10’4 quella di Bernhard Ten Brinken andandosi così a riprendere la testa della generale aiutato dalla decima posizione dell’ex leader Orlando Terranova giunto addirittura 24′ dopo.

Quarta piazza per Kryztof Holowczyc, ottava la prima delle P eugeot 2008, quella di Carlos Sainz,  diciottesimo Stephane Peterhansel e ventiquattresimo Cyril Despres.

Tra le moto successo di Joan Barreda Bort (capoclassifica) davanti alla Honda gemella di Paulo Goncalves. Terzo Ruben Faria su KTM.; ottavo Marco Coma in ripresa dopo i guai del debutto ma ugualmente infastidito da noie alla gomma posteriore. Diciottesimo il nostro Alessandro Botturi su Yamaha a precedere il compagno di colori Olivier Pain. Disdetta per l’inglese Sam Sunderland che si è perso ritrovandosi a dieci chilometri di distanza dal percorso. Per lui una misera settantaduesima piazza.

Tra i quad dominio Yamaha con il polacco Rafal Sonik, al vertice pure nell’overall, ad imporsi su Ignacio Casale e Sergio Lafuente.

Nei  camion il russo Eduard Nikolaev su Kamaz ha fatto meglio del bielorusso Siarhei Viazovich su Maz e Airat Mardeev. Nellacomplessiva guida invece l’olandese Hans Stacey.

Leggi altri articoli in Rally

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Dakar 2015 – Al-Attiyah si rifà sentire

Nelle moto seconda tappa a Barreda Bort

di 5 gennaio, 2015
Dakar 2015 – Al-Attiyah si rifà sentire

Privato della vittoria della prima tappa per eccesso di velocità Nasser Al-Attiyah si è rifatto nei 518 km della seconda da Villa Carlos Paz a San Juan.

Il qatariano si è messo dietro di ben 8′ 30 la Toyota di Giniel De Villers e di 10’4 quella di Bernhard Ten Brinken andandosi così a riprendere la testa della generale aiutato dalla decima posizione dell’ex leader Orlando Terranova giunto addirittura 24′ dopo.

Quarta piazza per Kryztof Holowczyc, ottava la prima delle P eugeot 2008, quella di Carlos Sainz,  diciottesimo Stephane Peterhansel e ventiquattresimo Cyril Despres.

Tra le moto successo di Joan Barreda Bort (capoclassifica) davanti alla Honda gemella di Paulo Goncalves. Terzo Ruben Faria su KTM.; ottavo Marco Coma in ripresa dopo i guai del debutto ma ugualmente infastidito da noie alla gomma posteriore. Diciottesimo il nostro Alessandro Botturi su Yamaha a precedere il compagno di colori Olivier Pain. Disdetta per l’inglese Sam Sunderland che si è perso ritrovandosi a dieci chilometri di distanza dal percorso. Per lui una misera settantaduesima piazza.

Tra i quad dominio Yamaha con il polacco Rafal Sonik, al vertice pure nell’overall, ad imporsi su Ignacio Casale e Sergio Lafuente.

Nei  camion il russo Eduard Nikolaev su Kamaz ha fatto meglio del bielorusso Siarhei Viazovich su Maz e Airat Mardeev. Nellacomplessiva guida invece l’olandese Hans Stacey.

http://motorsport.motorionline.com/2015/01/05/dakar-2015-al-attiyah-si-rifa-sentire/