Dakar 1988 – Peugeot ancora vincente con la 205 T16

Per il team del Leone quell'edizione fu contraddistinta anche dal furto della 405 T16 di Vatanen

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Dakar 1988 – Peugeot ancora vincente con la 205 T16

Forte del trionfo a sorpresa dell’anno precedente quando era stata considerata una debuttante come tante altre, la 205 T16 Grand Raid si avvicinò all’edizione 1988 della Parigi-Dakar con le aspettative da prima donna e invece le attenzioni della stampa internazionale si riversarono tutte sul nuovo modello medio di Peugeot, la 405 T16 rivista  esternamente ma uguale nella meccanica capace però di rubare alla cugina pure il pilota, quell’ Ari Vatanen autore del successo dell’87.

A questo punto sulla 205 il boss Jean Todt decise di far salire Juha Matti Pellervo Kankkunen, campione del mondo Rally Gruppo B nel 1986 con la medesima vettura, stabilendo però nella riunione pre-gara  che il suo ruolo avrebbe dovuto essere solo quello di proteggere le spalle alla compagna di team.

Successivamente al prologo in terra francese la competizione entrò nel vivo con i concorrenti che sbarcarono ad Algeri direzione Sahara. Come da copione Vatanen face il vuoto ma solamente fino al bivacco di Bamako visto che una volta uscito dalla sua tenda dopo il riposo notturno si accorse di non avere più l’auto, ritrovata solo in un secondo momento bene nascosta tra le dune.

A fronte di ciò per il finnico non fu possibile fare meglio di un ottavo posto, risultato poi annullato da una squalifica per essersi presentato in ritardo alla partenza del mattino e la vittoria, contro i pronostici, andò alla “vecchia” 205 e a KKK.

21st dicembre, 2014

Tag:, ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Video - Iscriviti al Canale
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini