WRC – Neuville: “In Svezia abbiamo imparato molto”

Nonostante il doppio zero Hyundai guarda positivamente a quanto fatto in Svezia

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
WRC – Neuville: “In Svezia abbiamo imparato molto”

Malgrado i due zeri rimediati causa errori da Neuville e Hänninen la Hyundai archivia il suo primo Rally di Svezia con un segno più.

“Abbiamo avuto delle difficoltà, ma in generale è stato un buon weekend positivo – le parole del boss Michel Nandan – Era importante vedere il traguardo e ce l’abbiamo fatta con entrambe le auto anche se abbiamo dovuto riccorere al Rally 2 per incidente. Ad ogni modo Thiery ha segnato un paio di secondi miglior tempi e Juho ha vinto il Colin’s Crest Award per il salto più lungo nella Vargåsen di ben 36 metri. Anche se il target era un altro dobbiamo definirci contenti ed orgogliosi. Siamo solo al nostro secondo appuntamento e ci sono segnali positivi”.

“E’ stato un fine settimana lungo ma estremamente utile sul lungo termine da cui abbiamo cercato di tirare fuori il massimo per apprendere cose nuove – ha considerato il giovane belga – Non abbiamo mai mollato, neppure davanti alla penalità o quando ho forato nella penultima speciale. Tutto sommato ho mostrato di poter essere veloce e restare con i primi, sintomo del grande lavoro che sta facendo la squadra”.

“Possiamo andare via a testa alta viste le prestazioni  ottenute in condizioni insidiose – il responso del finnico – Venerdì ho commesso un errore e danneggiato la macchina, ma sabato ho potuto tornare a correre e raccimolare esperienza e dati. Come vettura base siamo piuttosto competitivi, dunque  sono fiducioso che si possa fare meglio.”

11th febbraio, 2014

Tag:, , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini