GT Open – Matt Griffin e Duncan Cameron trionfano a Silverstone

La coppia conquista il terzo successo stagionale

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
GT Open – Matt Griffin e Duncan Cameron trionfano a Silverstone

In un insolitamente caldo weekend nel circuito inglese di Silverstone, la Ferrari ha colto un successo nella categoria GT Open.

Nella prima corsa, sabato, la Villorba Corse Ferrari di Andrea Montermini e Luca Filippi ha dominato la prima metà della sfida, ma ha dovuto subire quindici secondi di stop durante un pit stop. Questo ha portato a cedere la testa alla Corvette – i due team si sono dimostrati come i veri pretendenti al titolo.

Nella classe GTS, è arrivato un terzo posto per il giovane inglese Michael Lyons e il suo compagno di squadra Matteo Beretta di AF Corse – sono stati battuti dalle McLaren. Domenica, nella seconda gara del weekend, i risultati sono stati molto più favorevoli per i team Ferrari. Matt Griffin e Duncan Cameron hanno colto la loro terza vittoria dell’anno.

La coppia di AF Corse ha fatto l’uso migliore possibile del loro handicap zero per vincere, tre secondi davanti alla Villorba Ferrari di Montermini e Filippi. Questo significa che la coppia Villorba ha fatto un sostanziale salto in avanti nella classifica dato che i rivali più vicina, il duo della Corvette di Pastorelli e Ramos è stato costretto al ritiro per problemi elettrici.

Montermini guida ora il campionato piloti con 182 punti, seguito dal compagno di squadra Filippi con 168. Cameron e Griffin sono quarti con 103. Il campionato avrà ora una pausa estiva prima di spostarsi a Spa in Belgio il 7-8 settembre.

15th luglio, 2013

Tag:, , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Video - Iscriviti al Canale
Ultime Foto
Video
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini