WRC – Shakedown nelle mani dell’Extraterrestre

Al Deutschland l'alsaziano mette subito tutti in riga

WRC – Shakedown nelle mani dell’Extraterrestre

Sébastien Loeb subito il più veloce del gruppo nel primo assaggio del weekend teutonico. L’alsaziano ha coperto i 4.55 km dello shakedown in 2’25″2 distanziando di otto decimi il fordista ufficiale Jari-Matti Latvala e il privato Mads Ostberg, con lo stesso tempo, in forma nonostante non abbia avuto molte occasioni per prepararsi al meglio per questo appuntamento.

Da segnalare il buon quinto crono di Neuville e il problema meccanico emerso sulla Ford di Ott Tänak  dopo aver urtato qualcosa al passaggio sulla speciale. Bene anche il debutto con la MINI per Chris Atkinson, mentre uscita senza conseguenze per Peter Van Merksteijn. Appena sotto la top ten l’olimpionico Nasser Al-Attiyah.

Infine brutto incidente per Nicolas Fuchs, il pilota della Subaru Impreza ha colpito una pietra perdendo poi una ruota che è andata in mezzo agli spettatori. Quattro sono stati i feriti di cui uno grave condotto immediatamente all’ospedale per le profonde ferite alla testa.

CLASSIFICA SHAKEDOWN

  1. Loeb (DS3 WRC) 2’25″2
  2. Latvala (Fiesta WRC) 2’26″0
  3. Ostberg (Fiesta WRC) 2’26″0
  4. Solberg (Fiesta WRC) 2’26″3
  5. Neuville (DS3 WRC) 2’26″4
  6. Hirvonen (DS3 WRC) 2’26″6
  7. Sordo (Mini WRC) 2’26″9
  8. Tänak (Fiesta WRC) 2’27″8
  9. Novikov (Fiesta WRC) 2’27″8
  10. Atkinson (Mini WRC) 2’28″6

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Rally

WRC – Ogier controlla e Hirvonen morde

Il finnico dovrà però guardarsi da Meeke distante appena tre secondi
Se l’è presa con comodo Sébastien Ogier nel giro pomeridiano della seconda tappa del Rally del Galles. Il francese non
Rally

WRC – Ogier senza rivali

In UK incidente per Latvala. Secondo a oltre un minuto Ostberg
L’unico rivale di Sébastien Ogier può solo essere Sébastien Ogier in questo Rally del Galles. A dirlo è la classifica