GTSprint International Series – Andrea Palma fa il vuoto all’Hungaroring

Il portacolori del Black Team, dopo la pole, conquista anche Gara 1 e Gara 2

Il portacolori del Black Team Andrea Palma, dopo aver dominato nelle “libere” ed aver conquistato sabato la pole, si conferma al “top” vincendo sia Gara 1 che Gara 2 nel quarto appuntamento stagionale della GTSPRINT, di scena sull’autodromo dell’Hungaroring.

In Gara 1, il pilota romano, al volante di una Ferrari 458 Italia, chiude sul gradino più alto del podio dopo aver lottato per la posizione di testa nelle fasi iniziali con Mario Cordoni, autore di un’ottima partenza. L’alfiere dell’Ombra Racing Team deve però cedere il passo in occasione della terza tornata allo stesso Palma, il quale da quel momento mantiene la prima posizione sino alla fine. Sul terzo gradino del podio sale Glauco Solieri, protagonista di una gara esemplare con la Porsche 997 dell’Autorlando Motorsport. Bene anche la Corvette Z06 R della RC Motorsport che, con Roberto Del Castello, chiude in quarta posizione assoluta.

Nella seconda gara, invece, costretto a scalare nelle retrovie per un drive through assegnatogli per partenza anticipata, l’alfiere del Black Team risale fino alla prima posizione con sorpassi spettacolari, che esaltano il pubblico sugli spalti del circuito di Budapest.
Come in Gara 1, sale sul secondo gradino del podio la vettura gemella di Cordoni che allunga, così, nella classe GTS3 sui diretti rivali Roberto Benedetti e Del Castello, con la Corvette della RC Motorsport.

Nel GTS Cup Trophy a mettere tutti dietro sono, invece, Giacomo Piccini, all’esordio stagionale nella Serie con la 997 della GDL Racing e Roberto Delli Guanti al volante della Ferrari 430 del team Kessel Racing che si assicurano rispettivamente Gara 1 e Gara 2.
Buona la prova di Francesca Linossi nella prima gara: nonostante i problemi accusati ad uno pneumatico e il conseguente rientro ai box, la giovane driver bresciana conquista un ottimo sesto posto.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati