Davide Rigon, prosegue la degenza all’Anadolu Hospital

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Davide Rigon, prosegue la degenza all’Anadolu Hospital

Conclusa l’operazione per ridurre le fratture scomposte a tibia e perone riportate alla gamba sinistra Davide Rigon continua la sua degenza presso l’Anadolu Hospital di Istanbul, in attesa di poter tornare a casa.

Nonostante i forti dolori alla gamba sottoposta ad un’operazione durata 3 ore e mezza, durante i quali sono stati impianti 21 chiodi, Davide sta reagendo bene alle cure e il suo ritorno dovrebbe essere fissato per questo sabato. Al fianco del driver vicentino sono sempre presenti la fidanzata Elisa e un medico della Scuderia Ferrari che fin dai primi istanti dopo l’impatto si è presa cura di Davide.

In questo momento non certamente facile i tifosi hanno trovato il modo di far sentire Davide un po’ meno solo attraverso l’invio di centinaia di messaggi di solidarietà e di pronta guarigione attraverso la pagina di facebook e il suo sito internet. Una volta tornato in Italia tutti questi messaggi saranno portati a Davide.

Messaggi di pronta guarigione sono arrivati anche dalla Scuderia Ferrari tramite il Presidente Luca Cordero di Montezemolo, il team principal Stefano Domenicali e il direttore sportivo Massimo Rivola “E’ un vero peccato che la stagione agonistica di Davide sia iniziata in questa maniera” – ha detto Stefano Domenicali – “E’ un bravissimo ragazzo, che stava facendo un lavoro prezioso con noi al simulatore, e gli vogliamo fare, a nome di tutta la Scuderia, i migliori auguri di pronta guarigione: forza Davide, ti vogliamo rivedere presto in pista!”

17th maggio, 2011

Tag:, ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Video - Iscriviti al Canale
Ultime Foto
Video
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini