Rally 1000 Miglia: Citroën all’assalto del rally italiano

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Rally 1000 Miglia: Citroën all’assalto del rally italiano

Citroën è pronta al debutto nel Campionato Italiano Rally 2011, tornandovi in forma ufficiale con Pirelli DS3R3 Team Italia. Il marchio Citroën tornerà dunque a caratterizzare le vicende della massima espressione dei rallies italiani mediante il Citroën DS3R3 Team Italia, inaugurando il proprio programma sportivo al 35° Rally 1000 Miglia, che si svolgerà nella provincia di Brescia dal 14 al 16 aprile prossimi.

Dalla gara bresciana, prima prova del Campionato Europeo e seconda del tricolore e per altri cinque appuntamenti verranno schierate due vetture Citroën DS3R3 affidate rispettivamente a Simone Campedelli, affiancato da Danilo Fappani ed Andrea Crugnola, assecondato da Roberto Mometti. Con questi due equipaggi Citroën avrà l’obiettivo primario di portare Citroën DS3R3 ai massimi livelli del “Gruppo R”. Un supporto fondamentale verrà dato dalle prestazioni che assicureranno gli pneumatici Pirelli, la cui tecnologia sarà in grado di fornire ai piloti le giuste sensazioni per avere la più precisa percezione della strada quando lotteranno contro il cronometro.

Si cercherà, allo stesso tempo, di contribuire alla crescita tecnica e sportiva dei due giovani driver, di dar loro una spinta concreta verso il professionismo. Sono diversi, i target individuati: dai titoli nazionali “Junior” e “Costruttori”, alla Coppa CSAI “Due Ruote Motrici”, andando a confrontarsi in un contesto certamente competitivo.

Simone Campedelli: “Il Rally 1000 Miglia l’ho corso la prima volta l’anno scorso, è una gara completa. Molto lunga e selettiva, per essa serve essere veloci ed allo stesso tempo fare tattica, diciamo, un rally “vecchia maniera”, che ad un giovane insegna molto. Si correrà su tre vallate diverse, le previsioni, tra l’altro, prevedono pioggia, sarà quindi molto difficile pure la scelta giusta degli pneumatici. La sfida sarà certamente dura, la concorrenza molto qualificata e tutti più o meno conoscono le proprie vetture mentre per noi è tutto nuovo. Dovremo perciò dare il massimo, ma confidiamo sulle qualità della Citroën DS3R3 e sulla forza dell’intero Team”.

Andrea Crugnola : “Una gara decisamente esaltante, il Rally 1000 Miglia, la più lunga del Campionato Italiano. Un rally in cui si trova di tutto, tratti veloci, altri guidati, con le condizioni meteorologiche che possono essere mutevoli, visto che si corre su un’area di vallate molto ampia. Le prove di “Cavallino” e “san Zeno” sono quelle che identificano al meglio questo bellissimo rally e sicuramente quelle dove si giocherà molto della classifica. Avremo da confrontarci con avversari di alto livello che hanno dalla loro parte il fatto di conoscere la vettura e questo, in caso di pioggia potrà aiutarli molto. Sia io che Simone dovremo impegnarci al massimo per trovare il feeling ottimale con la Citroën DS3R3, la gara è molto lunga, avremo modo di lavorare bene con la squadra”.

Saranno ben quattordici, le Prove Speciali proposte dal 35° Rally 1000 Miglia, sei differenti da ripetere in due occasioni, cui sono da aggiungere la Prova Spettacolo in programma quest’anno di nuovo all’Autodromo di Franciacorta a Castrezzato, che aprirà la gara e la breve Prova che sarà trasmessa in diretta RAI sabato 16 all’ora di pranzo, per poco meno di 250 chilometri complessivi. Dopo la consueta kermesse di apertura, che avrà luogo nella serata di giovedì 14 alle ore 20.00, la sfida proseguirà venerdì 15 e sabato 16 per concludersi alle ore 18.35 di sabato in Piazza della Vittoria a Brescia, con la cerimonia di premiazione direttamente sul palco di arrivo.

15th aprile, 2011

Tag:, , , , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini