Dakar 2011: Coma domina nelle moto. Chagin vicino al trionfo con i camion

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Dakar 2011: Coma domina nelle moto. Chagin vicino al trionfo con i camion

Onore ai camion. Sono stati effettivamente loro ad aprire la 12^ giornata della Personal Dakar Argentina Chile 2011. Come il giorno prima Chagin si impone e si avvicina alla sua settima vittoria. La gara moto è stata dominata da Marc Coma, malgrado il tentativo disperato di Cyril Despres. Il pilota catalano vince la sua 5^ speciale e possiede un vantaggio di più di 16’ in generale.

Per questa penultima tappa tra San Juan e Cordoba, l’organizzazione aveva deciso di far partire per primi i camion su un percorso più corto di quello degli altri concorrenti, prendendo la parte finale della speciale auto e moto, per 318 chilometri totali. Come nelle due precedenti giornate, Vladimir Chagin ha messo d’accordo tutti. Il Russo con il suo Kamaz, ha ottenuto la sua 7^ vittoria di tappa per il 2011, la 63^ della sua carriera alla Dakar. Chagin precede oggi il suo compagno di squadra Firdaus Kabirov di 1’05 e lo spagnolo Pep Vila su Ginaf-De Rooy per meno di 5’.

Chagin si avvicina così al suo 7° titolo. In generale li Zar possiede un vantaggio di più di mezz’ora su Kabirov. Seguono altri due Kamaz, quello di Nikolaev a più di 3 ore e quello di Mardeev a più di 5h30.

E’ con il coltello tra i denti e ben cosciente di giocarsi le ultime possibilità, che Cyril Despres è partito questa mattina. Con lo svantaggio di aprire la pista, il pilota KTM stava riuscendo nel suo intento, avendo guadagnato un vantaggio massimo di 2’30 al chilometro 240. Forse al francese è venuta in mente la disavventura del catalano, quando era stato costretto al ritiro per incidente nel 2007, con la gara saldamente nelle mani, per aver urtato contro un albero presso Tambacounda a due giorni dalla fine del Rally.

Ma la defaillance non c’è stata da parte del coriaceo Coma. Il leader della generale ha corso la sua gara, risparmiando la moto e stando attento a non commettere errori di navigazione, prima di passare al contrattacco nel finale. In meno che non si dica, lo spagnolo ha recuperato il ritardo ed è andato a vincere la speciale, la quinta dall’inizio del rally. Si tratta della sua 16^ vittoria alla Dakar, una in più del compianto Richard Sainct. Dietro i “tenori” troviamo Helder Rodrigues in terza posizione, a più di 8’.

Ottima prova oggi per l’americano Quinn Cody su Honda 450. Il miglior “rookie” della Dakar ottiene un ottimo quinto posto alle spalle di Chaleco Lopez. In classifica generale, Marc Coma possiede ora un vantaggio di 16’36 su Despres, quasi un’ora su Lopez e 1h42’ su Rodrigues.
Tra le auto la speciale di Cordoba era l’occasione per Carlos Sainz di reagire alle delusioni del giorno prima. Terzo in generale dopo aver strappato la ruota il giorno prima, il madrileno partiva 14° questa mattina. Il due volte campione WRC ha superato dieci concorrenti nel fango, causato dalle violente piogge della notte precedente. Dopo un settore di 61 km neutralizzato dall’organizzazione verso fine speciale, a causa del terreno, El Matador ha continuato il suo show. Malgrado una foratura, ha alla fine tagliato il traguardo con un vantaggio di 2’43 sul compagno di team Giniel De Villiers e 6’11 sul leader della generale Nasser Al Attiyah. Sainz raggiunge così Stephane Peterhansel come numero di tappe vinte, 23.

A quasi 40 anni, Nasse Al Attiyah si appresta a vincere la sua prima Dakar. Il pilota del Quatar, molto più riflessivo dello scorso anno, ha gestito perfettamente la situazione dopo l’errore di Sainz. In generale possiede un vantaggio di 48’21 su De Villiers e di 1h21 su Sainz. Stephane Peterhansel, all’attacco per cercare di guadagnare il podio, ha sofferto anche oggi. Il pilota BMW X-Raid ha forato ancora e subito un surriscaldamento del motore, dopo aver danneggiato il radiatore.

Il francese ha ottenuto il 4° posto di tappa, lo stesso che conserva in generale.
Dietro Alejandro Patronelli, che gestisce senza problemi la sua leadership, e Sebastian Halpern, il suo “delfino” a 58’, la battaglia per il terzo posto tra i quad ha senza dubbio sciolto le riserve quest’oggi, con la vittoria di tappa di Christophe Declerck. Il francese ha spinto Lukasz Laskawiec a 3’19’ e consolida un pochino il suo terzo posto in generale.

15th gennaio, 2011

Tag:, , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Video - Iscriviti al Canale
Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini