Euroseries 3000: Bratt è campione della GP2 Asia

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Euroseries 3000: Bratt è campione della GP2 Asia

E’ Will Bratt l’ultimo campione della storia della Euroseries 3000. A incoronarlo, regalandogli l’intera stagione in GP2 Asia che spetta al campione, è stata l’ultima gara del weekend di Monza, in cui l’inglese è riuscito a cogliere un sudato secondo posto. È stato il finale degno di una stagione incredibile, che ha visto due piloti, Bratt e Marco Bonanomi, arrivare alla fine del campionato a pari punti e anche in parità di vittorie, 4 a testa. Il britannico ha prevalso grazie al maggior numero di secondi posti, tre contro i due di Bonanomi, che si è dovuto arrendere ma lo ha fatto con onore, disputando un’ultima gara strepitosa.

Marco, che partiva dal quarto posto, è infatti riuscito a balzare immediatamente al comando con uno start perfetto, che è stato però imitato da Onidi e Bratt. Il primo è addirittura riuscito a passare dall’ottava alla seconda piazza con una delle sue proverbiali partenze super, mentre Bratt ha guadagnato il terzo posto dal sesto di avvio. I tre si sono lanciati nel Curvone seguiti da Rodolfo Gonzalez, autore di un taglio di chicane in Prima Variante, Francesco Dracone, Juan Carlos Sistos e Matteo Cozzari.
Il secondo giro ha visto il primo colpo di scena, con Gonzalez in grado di passare Bratt ma, in seguito, autore di un nuovo taglio di chicane. Bonanomi, in quel momento campione, intanto davanti spingeva fortissimo, portando il suo vantaggio oltre il secondo. Al terzo giro, però, Gonzalez è stato autore di un ennesimo taglio di variante, il terzo, e ha preferito far passare Bratt per non incorrere in una penalità, incollandosi poi alla coda dell’inglese, tornato così in testa alla classifica a parimerito con Bonanomi. Al pilota di Lecco a quel punto non restava che spingere come un forsennato per garantirsi il giro più veloce ed è esattamente quello che ha fatto, prima con una sequenza impressionante sul passo dell’1’38”5, poi con un 1’38”377 che nessuno è stato più in grado di battere. Con 4”2 di vantaggio sugli inseguitori, a Marco non restava che aspettare di sapere cosa sarebbe accaduto alle sue spalle. La svolta è arrivata al sesto giro, quando Onidi, secondo in quel momento, ha sbagliato alla seconda di Lesmo finendo fuori pista e rientrando quarto, lasciando via libera a Bratt e Gonzalez per il podio. Era esattamente quello che serviva al britannico per tornare a punti con Bonanomi e vincere il titolo, visto che Gonzalez, pur vicinissimo, non è riuscito più a insidiarlo ed anzi è finito largo sulla sabbia a Lesmo.
Dietro il podio Onidi si è preso il quarto posto seguito da Dracone, protagonista di un bel duello con Sistos interrotto al sesto passaggio da un’uscita di pista del giovane messicano, ingannato da una frenata anticipata dell’avversario. A chiudere il gruppo è stato il debuttante Matteo Cozzari, mentre Fabrizio Crestani non ha preso il via a causa di un problema allo scarico.

LA PAROLA AL CAMPIONE
Will Bratt: “Aver vinto il campionato è un qualcosa di incredibile, che credo di non avere ancora pienamente realizzato. Forse domani mattina mi sveglierò e capirò quanto è importante quello che ho fatto, ma per ora mi sembra di sognare. Se mi fermo a pensare, credo che sia un titolo davvero meritato per me e per il team. A inizio stagione siamo stati sfortunati ma da Zolder in poi abbiamo lavorato duro. Oltretutto abbiamo vinto contro un pilota come Bonanomi che ci ha reso la vita difficilissima, combattendo fino all’ultimo. Se ho avuto paura di perderlo? Beh, quando io ero quarto e lui era in testa sembrava dura, ma ho mantenuto il sangue freddo e alla fine l’ho spuntata. Ora non vedo l’ora di salire sulla GP2 Asia ad Abu Dhabi”.

L’ordine di arrivo
1. Marco Bonanomi (FMSI) 16 giri in 26’26”134, media 210,371 km/h
2. Will Bratt (EmiliodeVillota.com Motorsport) + 5”280
3. Rodolfo Gonzalez (FMSI) + 10”019
4. Fabio Onidi (FMSI) + 14”299
5. Francesco Dracone (Emmebi Motorsport) + 28”646
6. Matteo Cozzari (Team Costa Rica) + 36”775

Non classificati
Fabrizio Crestani (Emmebi Motorsport), non partito
Juan Carlos Sistos (Team Costa Rica), 6° giro, incidente

Giro più veloce: il 14° di Will Bratt in 1’38”377.

Classifica piloti
1. Bratt 71 punti;
2. Bonanomi 71;
3. Onidi 64;
4. Crestani 54;
5. Gonzalez 44;
6. Hanley 22;
7. Dracone 15;
8. Sistos 14;
9. Piscopo 11;
10. Maldonado 10;
11. Piccione 8;
12. Bamber 8;
13 Herck 6;
14. Puglisi 6;
15. Nunes 5;
16. Cozzari 4;
17. Rodriguez 1;
18. Dalle Stelle 1.

Classifica team
1. Fisichella Motorsport International 150 punti;
2. EmiliodeVillota.com 84;
3. TP Formula 52;
4. Team Costa Rica 31;
5. Emmebi Motorsport 31;
6. Bull Racing 21; 7. Lazarus 12;
8. Teamcraft 10;
9. Durango 6

19th ottobre, 2009

Tag:, , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Ultime Foto
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini