Karting: Grandi bagarre in gara nel weekend di Genk

di

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+
Karting: Grandi bagarre in gara nel weekend di Genk

WSK a Genk, round cruciale in classifica. Dal cielo di Genk è arrivata anche una breve pioggia a rendere più complicate, nervose e appassionanti tutte le gare di oggi, nella quarta tappa della WSK International Series di karting. L’Horensbergdam Circuit, impianto fiammingo che ha ospitato questo appuntamento centrale della stagione, ha così offerto gare di grande livello.

In KZ2 Ardigò risponde a Lammers. Dopo la prova di inizio stagione a Sarno (SA), nettamente favorevole all’olandese Bas Lammers (Intrepid-TM-Vega), il bresciano Marco Ardigò (Tony Kart-Vortex-Vega), ha dato oggi la sua risposta. Lammers si è presentato alla Finale con i migliori auspici: avendo dominato la prima gara sul bagnato, davanti ad Ardigò, nella seconda l’olandese contava di sfruttare il miglioramento meteo, su un fondo che andava nettamente asciugandosi. Un testacoda, compiuto da Lammers, subito dopo il via della Finale, ha invece eliminato uno dei più forti protagonisti, lasciando Ardigò solo sulla scena. Il bresciano ha dominato a sua volta la Finale, vinta senza avversari, mentre alle sue spalle si svolgeva un duello tra compagni di team: tra il salernitano Francesco Laudato e il francese Thomas Mich (entrambi su Birel-TM-Vega) sono stati continui i tentativi di sorpasso da parte del transalpino, che però Laudato ha saputo stemperare grazie alla sua esperienza. La vittoria di Ardigò, seguito sul podio da Laudato e Mich, ha reso la classifica più corta nel duello di campionato con Lammers, che resta al comando ma con un vantaggio ridotto solo a 4 punti. Avanza anche Laudato, ora quarto dietro il francese Manuel Renaudie (Gillard-SGM-Vega). Quest’ultimo mantiene una buona posizione in campionato, dopo un utile quinto posto in Finale, ottenuto oggi dietro l’ascolano Sauro Cesetti (Birel-TM-Vega).

Cooper scavalca Viganò in KF2. L’inglese Ben Cooper (Tony Kart-Vortex-Bridgestone) ha compiuto il sorpasso in KF2, strappando la leadership al bergamasco Matteo Viganò (Birel-Parilla-Bridgestone). La manovra in classifica è avvenuta grazie a una corsa inarrestabile, che Cooper ha compiuto sia in Prefinale che in Finale, su un fondo davvero difficile. La parte più piovosa della giornata ha investito infatti proprio le gare della KF2, nelle quali l’inglese ha ben presto preso le distanze dai rivali, dai quali si è allontanato per andare a vincere incontrastato. In Finale lo svedese Jesper Rossler (Birel-Parilla-Bridgestone) ha sfoggiato una bella prestazione, risalendo dalla quarta fila di partenza fino al secondo posto, strappato al danese Nicolaj Moller Madsen (Energy-TM-Bridgestone). Non è andata bene all’ex leader Viganò, sceso al secondo posto in campionato. Fuoripista avvenuti durante le accese fasi  iniziali  sul  bagnato,  a  causa  di  urti  con   altri avversari, hanno fermato troppo presto il bergamasco, che ha mancato il risultato in entrambe le gare finali. Terzo in classifica è lo svedese Mans Grenhagen (Energy-TM-Bridgestone), ben piazzato in avvio della Finale, poi conclusa solo al quinto posto.

Kvyat resta leader KF3, nella giornata di Hoevenaars. L’olandese Peter Hoevenaars (Zanardi-Maxter-Dunlop) può reclamare il titolo di eroe del weekend, dopo le fantastiche gare disputate oggi. Partito in nona fila in Prefinale, Hoevenaars ha compiuto una strepitosa rimonta sul bagnato, concludendo alle spalle dell’imprendibile connazionale Nyck De Vries (Zanardi-Parilla-Dunlop). Quest’ultimo sembrava il predestinato alla vittoria anche in Finale, ma ha dovuto fermarsi per un urto ricevuto nella bagarre per il comando della gara dall’americano Gustavo Menezes (Tony Kart-Vortex-Dunlop), poi tolto di classifica. Un vero dramma per il piccolo olandese, che ha perso sia la Finale che la possibilità di scavalcare il russo Daniil Kvyat (Tony Kart-Vortex-Dunlop) alla testa del campionato. Quest’ultimo, oggi apparso in grande difficoltà, non ha potuto raccogliere grandi risultati, ma resta alla guida della classifica KF3, pur con un vantaggio assottigliato a soli 15 punti su De Vries. Hoevenaars, invece, si è confermato eccellente anche in Finale, aprendosi la strada al successo vincendo il duello con il brasiliano Guilherme Silva (Tony Kart-Vortex-Dunlop). Bravo anche l’inglese Jordan King (Maranello-Maxter-Dunlop), terzo in Finale e quarto in campionato, dove è piazzato alle spalle di uno sfortunato Carlos Sainz (Tony Kart-Vortex-Dunlop), oggi rallentato da una panne elettrica.

WSK in TV su RaiSport Più. In attesa del prossimo appuntamento a Salbris (F), dal 23 al 26 luglio, l’appuntamento con la WSK International Series si sposta in TV, venerdì prossimo 19 giugno, con il servizio speciale di RaiSport Più dal circuito di Genk.

15th giugno, 2009

Tag:, , , , ,

Condividi su Facebook Pubblica su Twitter Condividi su Google+

Lascia un commento





Video - Iscriviti al Canale
Ultime Foto
Video
Facebook
Motorionline.com on Facebook
Copyright © Motorionline S.r.l. - Dati societari - P.Iva 07580890965
Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Milano in data 20/01/2012 al numero 35
Direttore Responsabile : Lorenzo V. E. Bellini